30 novembre 2015

L'anima di Ilsie n°20

Linky party, occhio all'indizio

Oggi vi propongo un post fuori programma che però merita di essere inserito nel blog. Silbi Grace del blog Hook a book ha organizzato un Linky Party molto divertente ispirato al Guess di Book di Jessica di Loving Books. Ho avuto la fortuna di vincere la tappa precedente sul blog Otiumentis, quindi sono proprio contenta di partecipare. Seguivo da un po' le tappe, ma arrivavo sempre tardi. Inizio presentandovi il post originale di Silbi Grace con il regolamento dell'iniziativa.

REGOLAMENTO:
-La durata del linky party va da oggi al 7/01/16
-Obbligatorio: essere lettori fissi del blog Hook a Book
-Obbligatorio: iscriversi ad almeno tre blog partecipanti (ovviamente vi consiglio di tornare più volte sulla pagina man mano che si aggiungono altri partecipanti... infatti potete iscrivervi a tutti i blog che volete!)
-Facoltativo: condividere l'evento sui social
-Facoltativo: condividere il banner sul proprio blog.

In ogni tappa verranno forniti cinque indizi. Scopo del gioco è indovinare il libro proposto.
Esempio:
1) E' il primo libro di una trilogia.
2) L'autrice è americana.
3) Ne è stato tratto un film famoso.
4) Parla di una competizione mortale.
5) la protagonista al cinema è interpretata da Jennifer Lawrence.
Il romanzo da indovinare è Hunger Games. Il primo che commenta con il titolo esatto del romanzo ha la possibilità di proporre sul proprio blog altri 5 indizi, lo stesso farà chi indovina la seconda tappa e così via...

- I romanzi scelti devono essere stati pubblicati in Italia (non tutti leggono in lingua)
- Per movimentare il gioco, se entro 24h nessuno che ha mai indovinato prima trova il titolo del romanzo, chi ha già indovinato può partecipare di nuovo e, nel caso indovini, ospitare una seconda tappa nel proprio blog.
- Provvederò a creare un evento facebook in cui condividere le varie tappe.
- Aggiornerò periodicamente il post con i blog partecipanti (purtroppo per impegni universitari non credo sarò in grado di aggiornare dal martedì al venerdì, ma cercherò di farlo). Potete inserire anche voi la lista dei partecipanti (anche se non è obbligatorio aggiornarla).

24 novembre 2015

L'anima di Ilsie n° 19

Book haul di Laurea #1

Ebbene sì, finalmente sono arrivata alla fine di questo percorso e ne sono molto soddisfatta. Sono stati tre anni tosti, di sforzi e di crescita personale. E anche costellati con diverse sofferenze e rotture di scatole. Ovviamente come regalo di laurea non potevo non chiedere una gift card della Feltrinelli. Grazie amici, mi avete resa molto felice! Per cui questo, oltre ad un piccolo regalo che mi sono fatta a sola e un regalo dei miei fratelli costituiscono il book haul che vi presento oggi, inserendo sia la descrizione da quarta di copertina sia il perché l'ho voluto comprare. Iniziamo!

1) L'amante giapponese di Isabel Allende: non potevo assolutamente resistere, volevo averlo a tutti i costi. E penso che lo inserirò nelle letture autunnali-invernali di quest'anno, non appena avrò finito Vedi alla voce: amore di Grossman e Nessun dove di Neil Gaiman.
L’epica storia d’amore tra la giovane Alma Belasco e il giardiniere giapponese Ichimei: una vicenda che trascende il tempo e che spazia dalla Polonia della Seconda guerra mondiale alla San Francisco dei nostri giorni. “Ci sono passioni che divampano come incendi fino a quando il destino non le soffoca con una zampata, ma anche in questi casi rimangono braci calde pronte ad ardere nuovamente non appena ritrovano l’ossigeno.”

12 novembre 2015

Perché leggere i classici

Jane Eyre di Charlotte Brontë, ovvero personaggi che non troverete da nessun'altra parte

(Jane Eyre)

Bene, ho stabilito che questo sarà il mese dei personaggi, come vi avevo detto nella Recensione di Novembre, ovvero mi concentrerò maggiormente nell'analizzare i personaggi che animano una storia piuttosto che gli altri aspetti, quindi sono qui oggi per parlarvi di uno dei libri più belli che io abbia mai letto, una storia che mi ha conquistato in un modo che non mi aspettavo neanche lontanamente. L'Ottocento inglese ha senza dubbio caratterizzato la mia adolescenza, in particolare gli anni delle superiori: Emily Brontë, Jane Austen ed infine Charlotte Brontë. Letto per una specie di "club del libro" tra amiche appassionate di lettura, ero in terza superiore quando ho preso in mano il classico di cui parleremo oggi e avevo già letto una delle tre sorelle Brontë, ovvero Emily con il suo Cime Tempestose. Per chi non lo sapesse, le Brontë sono tre sorelle dedite alla scrittura, chi con meno o più successo, che pubblicano le loro opere sotto pseudonimo - di loro mi manca ancora Anne, di cui non ho letto nulla. Comunque, come stavo dicendo, avevo letto il famoso Cime Tempestose e mi ero ferocemente scontrata con i suoi personaggi: avevo odiato Catherine, Heathcliff, mentre avevo apprezzato di più la generazione dei figli, quindi quella che occupa la scena dalla seconda metà del romanzo in poi. Quindi in generale il mio giudizio era molto positivo per scrittura, trama, e alcuni personaggi, negativo per altri. In conclusione, comunque mi era piaciuto. Detto questo, non sapevo cosa aspettarmi da Charlotte e la sua opera più nota. Ammetto di essere stata un po' recalcitrante all'inizio. Ma presto ho cambiato idea e i pregiudizi che avevo sull'opera si sono sciolti come neve al sole.

6 novembre 2015

Recensione di Novembre

Gli eroi del crepuscolo di Chiara Strazzulla, ovvero mi sembra di sparare sulla Croce Rossa

(Gli eroi del crepuscolo)

Un po' mi sento mordere la coscienza per ciò che sto per fare. Ripenso a tutto quello che hanno detto anni fa quando questo libro uscì, a tutte le stroncature che ha ricevuto. Dopotutto non c'è bisogno di andare a rivangare una faccenda abbastanza vecchia e abbastanza discussa. Quindi cercherò di dare un senso a questa recensione - anche solo per me stessa - e per fare ciò vi parlerò di un aspetto che accomuna tutte le storie a cui do moltissima importanza e utilizzerò questo libro come esempio: oggi si parla in particolare di protagonisti o più in generale di personaggi e del loro sviluppo all'interno di una storia. 

Gli eroi del crepuscolo di Chiara Strazzulla esce nel 2008 con la casa editrice Einaudi: si tratta del primo fantasy pubblicato dalla rinomata casa editrice italiana, un evento unico. La pubblicità è ovunque, la sento in radio, la vedo sui giornali, se ne parla come di qualcosa di veramente nuovo. Quando finalmente il libro arriva nelle librerie, lo compro. Il risultato delle mie impressioni lo troverete in questa recensione.

2 novembre 2015

L'anima di Ilsie n°18

Le saghe che non ho ancora finito e due parole su Norwegian wood di Murakami

Lo so che stavate aspettando la Recensione del mese, ma purtroppo ho la discussione della tesi di laurea tra due giorni e in questo momento il mio cervello si sta rifiutando di scrivere il post che tutti attendevate. Vi dico che sono circa a metà, quindi non mi manca tanto, ma sono sull'orlo del collasso per via di questa laurea del cavolo. Quindi oggi vi beccate questo post e il 6 vi prometto che uscirà la recensione degli Eroi del Crepuscolo.

Questo post è per me, prendiamolo come un piccolo riepilogo: queste sono le saghe che più clamorosamente non ho finito e prima o poi dovrò riprendere in mano e terminare. Partiamo dal presupposto che la maggior parte, anche se non tutte, appartengono al genere fantasy. Questo non significa che io faccia più fatica a leggere il fantasy che il resto, ma semplicemente che l'organizzazione stessa di una storia dentro la struttura di una saga appartiene di più a questo genere rispetto al resto della narrativa. Non che non si possano trovare saghe anche al di fuori del fantasy o della fantascienza, ma il discorso è: fantasy richiede un'attenzione protratta nel tempo, ed io di tempo ne ho avuto fino ad un certo punto della mia vita, poi ho iniziato ad avere troppe cose da fare per stare dietro ad una lettura continuativa e sono finita ad abbandonare serie che mi piacevano, ma che non riuscivo a gestire. Questo è il risultato. Potrei mettermi l'obiettivo di finirne almeno un paio di queste saghe durante il prossimo anno, che dite? Intanto vado ad elencarvele poi farò i miei soliti proponimenti. Ecco a voi:
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...