L'anima di Ilsie n° 19

Book haul di Laurea #1

Ebbene sì, finalmente sono arrivata alla fine di questo percorso e ne sono molto soddisfatta. Sono stati tre anni tosti, di sforzi e di crescita personale. E anche costellati con diverse sofferenze e rotture di scatole. Ovviamente come regalo di laurea non potevo non chiedere una gift card della Feltrinelli. Grazie amici, mi avete resa molto felice! Per cui questo, oltre ad un piccolo regalo che mi sono fatta a sola e un regalo dei miei fratelli costituiscono il book haul che vi presento oggi, inserendo sia la descrizione da quarta di copertina sia il perché l'ho voluto comprare. Iniziamo!

1) L'amante giapponese di Isabel Allende: non potevo assolutamente resistere, volevo averlo a tutti i costi. E penso che lo inserirò nelle letture autunnali-invernali di quest'anno, non appena avrò finito Vedi alla voce: amore di Grossman e Nessun dove di Neil Gaiman.
L’epica storia d’amore tra la giovane Alma Belasco e il giardiniere giapponese Ichimei: una vicenda che trascende il tempo e che spazia dalla Polonia della Seconda guerra mondiale alla San Francisco dei nostri giorni. “Ci sono passioni che divampano come incendi fino a quando il destino non le soffoca con una zampata, ma anche in questi casi rimangono braci calde pronte ad ardere nuovamente non appena ritrovano l’ossigeno.”



2) Libro che volevo tantissimo per la tematica e che i miei fratelli mi hanno regalato: Il buio oltre la siepe di Harper Lee. Ho fatto la corte a questo libro per tutti gli ultimi mesi.
In una cittadina del "profondo" Sud degli Stati Uniti l'onesto avvocato Atticus Finch è incaricato della difesa d'ufficio di un "negro" accusato di violenza carnale; riuscirà a dimostrarne l'innocenza, ma l'uomo sarà ugualmente condannato a morte. La vicenda, che è solo l'episodio centrale del romanzo, è raccontata dalla piccola Scout, la figlia di Atticus, un Huckleberry in gonnella, che scandalizza le signore con un linguaggio non proprio ortodosso, testimone e protagonista di fatti che nella loro atrocità e violenza non riescono mai a essere più grandi di lei. Nel suo raccontare lieve e veloce, ironico e pietoso, rivive il mondo dell'infanzia che è un po' di tutti noi, con i suoi miti, le sue emozioni, le sue scoperte, in pagine di grande rigore stilistico e condotte con bravura eccezionale.


3) Ed ora gli acquisti che ho fatto con la gift card. Per primo, un libro che mi ha sempre attratto, anche se un po' ne ho paura: Shantaram di Gregory David Roberts. Un tomo immenso e una storia allucinante. Penso che la descrizione sotto renderà l'idea di che opera si tratta.

Nel 1978, il giovane studente di filosofia e attivista politico Greg Roberts viene condannato a 19 anni di prigione per una serie di rapine a mano armata. È diventato eroinomane dopo la separazione dalla moglie e la morte della loro bambina. Ma gli anni che seguono vedranno Greg scappare da una prigione di massima sicurezza, vagare per anni per l'Australia come ricercato, vivere in nove paesi differenti, attraversarne quaranta, fare rapine, allestire a Bombay un ospedale per indigenti, recitare nei film di Bollywood, stringere relazioni con la mafia indiana, partire per due guerre, in Afghanistan e in Pakistan, tra le fila dei combattenti islamici, tornare in Australia a scontare la sua pena. E raccontare la sua vita in un romanzo epico di più di mille pagine.



4) E per ultimo, ma non meno importante, un'angoscia formato libro, ma che volevo a tutti i costi: Cecità di Josè Saramago. Di questo autore ho letto anche Caino, che recensirò per Dicembre ed è uno scrittore che mi aveva sorpresa molto per la sua particolarità. Quindi ho preso un altro suo libro e non vedo l'ora di leggerlo. Ecco qui la descrizione:
In un tempo e un luogo non precisati, all'improvviso l'intera popolazione diventa cieca per un'inspiegabile epidemia. Chi è colpito da questo male si trova come avvolto in una nube lattiginosa e non ci vede più. Le reazioni psicologiche degli anonimi protagonisti sono devastanti, con un'esplosione di terrore e violenza, e gli effetti di questa misteriosa patologia sulla convivenza sociale risulteranno drammatici. I primi colpiti dal male vengono infatti rinchiusi in un ex manicomio per la paura del contagio e l'insensibilità altrui, e qui si manifesta tutto l'orrore di cui l'uomo sa essere capace. Nel suo racconto fantastico, Saramago disegna la grande metafora di un'umanità bestiale e feroce, incapace di vedere e distinguere le cose su una base di razionalità, artefice di abbrutimento, violenza, degradazione. Ne deriva un romanzo di valenza universale sull'indifferenza e l'egoismo, sul potere e la sopraffazione, sulla guerra di tutti contro tutti, una dura denuncia del buio della ragione, con un catartico spiraglio di luce e salvezza.
Questo è il mio book haul di Laurea - anche se parziale perché ho ancora qualcosa nella gift card da spendere più avanti, quando sarò convinta di voler leggere un libro specifico. Adesso con la TBR autunnale e i nuovi acquisti sono a posto per un bel po' e quindi cercherò di aspettare... anche se è veramente difficile! Voi cosa ne pensate del mio book haul? Li avete letti? Per ora comunque questo è tutto, ringrazio tutti i nuovi iscritti al blog e vi avviso che sto preparando qualcosa di molto speciale per voi, dato che si avvicina il primo anniversario del blog. Nella prima Anima di Ilsie di Dicembre vi spiegherò molto meglio tutti i particolari, intanto stay tuned. Io vi mando un grande abbraccio e a presto con la Recensione di Dicembre.

Ilsie.